Wydział Teologiczny Uniwersytetu Śląskiego

Oferta WTL UŚ

konsultacje - wyjątki

zgłoszone przez pracowników wyjątki w zwykłych terminach konsultacji:

ks. W. Surmiak: z 11.04 na 12.04, godz. 14.30-16.00

B. Urbanek: odwołane do 17.04.

E. Szwarczyńska: 12.04. - odwołane

M. Kozubek: z 11.04 na 12.04 godz.14.30-16.00

zajęcia dydaktyczne - zmiany/wyjątki

zgłoszone przez pracowników zmiany/wyjątki w zwykłych terminach zajęć dydaktycznych:

B. Urbanek: odwołane do 17.04.

M. Gwóźdź: zajęcia z 11.04 (NoR; II/I) odbędą się 23.05

M. Czarnuch-Sodzawiczny: od 21.02 do odwołania - zajęcia odbywają się według harmonogramu, prowadzone przez ks. prof. A. Malinę

J. Pakuza: zmiana terminu zajęć z historii Kościoła (Studia podyplomowe) z 6.04 na 15.06

Studia Pastoralne
Rocznik Wydziału Teologicznego UŚ



337 opisów(-y)

szukane wyrażenie (1)

zakres wyszukiwania (1)

szukane wyrażenie (2)

zakres wyszukiwania (2)

sortowanie


ilość opisów na stronie

 


wyświetl listy
[kliknięcie na pozycję z danej listy spowoduje wyszukanie odpowiadających jej opisów]:

⇒ autorów

⇒ słów kluczowych


szukane wyrażenie: Siwek, G. | znaleziono 3 opisów(-y) | strona: 1 spośród: 1



autor: Siwek, G.

tytuł: Homiletyka w relacji do teologii pastoralnej

Studia Pastoralne 1 (2005) 107-127

pełny tekst artykułu      spis treści rocznika

słowa kluczowe: homiletykateologia pastoralna

pokaż / ukryj streszczenie (show/hide abstract)

L'OMILTICA IN RELAZIONE CON LA TEOLOGIA PASTORALE
L'articolo riprende il problema della relazione dell'omiletica in riferimento alla teologia pastorale, della quale essa fa parte dal XVIII secolo.
Questo problema va studiato secondo le tre diverse concezioni di omiletica, presenti nella storia. Il concetto tradizionale di omiletica, inteso come una retorica ecclesiale, s'innesta bene nel quadro tradizionale di pastorale, intesa come tecnologia pastorale. Il concetto dell'omiletica del secolo XX, inteso come teologia della predicazione della Parola di Dio, s'inquadra pure bene nel contesto della pastorale, intesa come una scienza teologica. In questa teologia pastorale, concepita come una autorealizzazione della Chiesa in generale, l'omiletica va letta come una autorealizzazione di questa Chiesa attraverso la predicazione della Parola di Dio. In quest'ambiente pero', il senso piu' largo del termine della predicazione sembra relativizzare un po' la specificita' dell'omiletica, stringendo il suo oggetto alla predicazione nel quadro della liturgia. L'omiletica degli ultimi anni, cosiddetta contestuale, corrisponde pure bene al concetto dell'odierna pastorale, che ha anche un carattere contestuale (interdisciplinare). Questa contestualita' unisce l'omiletica alle altre discipline umanistiche, soprattutto alla teoria della comunicazione. Questo legame pero' relativizza ancora di piu' la sua specificita' e inquadra il suo oggetto nel contesto della liturgia (omelia). Il presente articolo fa vedere la necessita' di una revisione del concetto di omiletica, di una revisione della definizione dell'omiletica e di una piu' accurata precisazione del suo posto nelle discipline pastorali.



autor: Siwek, G.

tytuł: Profetyczny charakter posługi słowa Jana Pawła II

Studia Pastoralne 2 (2006) 37-59

pełny tekst artykułu      spis treści rocznika

słowa kluczowe: Jan Paweł IIposługa słowa

pokaż / ukryj streszczenie (show/hide abstract)

IL CARATTERE PROFETICO DEL SERVIZIO DELLA PAROLA DI GIOVANNI PAOLO II
Le radici del servizio della parola nella Chiesa affondano nella missione dei profeti. Il profeta per eccellenza è stato il Profeta di Nazaret - Gesù Cristo. Egli ha fatto la sua Chiesa partecipe della propria missione profetica: in questo modo, anche se il tempo dei profeti è ormai passato, la Chiesa conserva il carattere profetico e lo esprime attraverso la predicazi-one della parola di Dio. Il servizio della parola di Giovanni Paolo II ne è un esempio parti-colarmente eloquente. L'articolo rappresenta un tentativo di prospettare alcuni elementi di tale servizio del Pontefice in relazione all'attività dei profeti biblici. Similmente all'attività dei profeti, la predicazione di Wojtyła è accompagnata dalla profonda coscienza d'essere stato eletto e mandato per predicare la parola di Dio; dalla convinzione della forza della parola predicata e dalla coraggiosa testimonianza personale che attesta la veridicità della parola stessa. Nei discorsi di Giovanni Paolo II si possono trovare alcune forme linguistiche analoge alle forme contenute nei discorsi dei profeti della Bibbia, come oracoli, narrazioni, parenétiche, gesti simbolici. Anche alcuni accenti nel contenuto dei discorsi del Servo di Dio assomigliano alle parole dei profeti, come per esempio l'esortazione a scegliere Cristo senza compromessi, l'interpretazione delle esperienze umane alla luce della parola di Dio o un forte orientamento verso il futuro. Alla fine dell'articolo, l'autore suggerisce alcuni aspetti da approfondire e da completare nello studio del carattere profetico del servizio della parola di Giovanni Paolo II. Richiede un'analisi più ampia la dimensione profetica degli aspetti poetici nei discorsi del papa-poeta, che tradisce il senso della solitudine del Pontefice proveniente da scelte effettuate controcorrente che sono state spesso accompagnate da un atteggiamento di chi mette a rischio l'incolumità della propria vita. Rilevare il carattere profetico del così efficace servizio della parola di Giovanni Paolo II porta alla netta conclusione pastorale che, nelle discussioni sull'efficacia della predicazione, non bisogna dimenticare mai il carattere profetico che ne è la fonte.



autor: Siwek, G.

tytuł: Posługa słowa w epoce mediów

Studia Pastoralne 7 (2011) 292-309

pełny tekst artykułu      spis treści rocznika

słowa kluczowe: homiletykamass-media

pokaż / ukryj streszczenie (show/hide abstract)

MINISTRY OF THE WORD IN THE MEDIA ERA.
Summary
The author of the article deals with the issue of a relation of the Church’s ministry of the Word and abruptly developing mass media. His starting point is a positive impact of media on preaching, especially with respect to immense widening of the scope of its influence. The author encourages readers to use mass media in a broadly understood evangelisation. On the other hand he draws readers’ attention to a potential negative impact of mass media on preaching. Influence of mass media may reduce an awareness of divine dimension of preaching, contribute to vanishing of theological understanding of functions of preachers of the Word, adjusting the preached truth to media standards, domination of a picture over a word. Also, the author recognises a need of enhancing traditional aims of preaching by new ones, such as developing reflection skills, showing a difference between a real and virtual world, warning against ethical relativism, defying consumerism, increasing awareness of other people’s needs.



strona: 1 spośród: 1
znaleziono: 3 opisów(-y)





© Wydział Teologiczny UŚ, Katowice